Cos’è il lutto da separazione

DiMaria Bernabeo

Cos’è il lutto da separazione

Che Cos’è
L’amore per sembra non esistere più, un matrimonio su tre finisce in un divorzio.
Ma, la fine di un matrimonio rimane una delle esperienze più dolorose e laceranti che una persona possa sperimentare nel corso della propria esistenza.

Come nasce
Accettare la fine di un amore è un processo psicologico complesso che ha molte affinità con quello che avviene alla morte di una persona cara.
Di solito, la decisione di separarsi è la conseguenza di un periodo più o meno prolungato di non comunicazione e di profonda insoddisfazione, non si riesce a stare bene più insieme, si hanno valori e obiettivi diversi e inconciliabili non si fa che litigare oppure regna la distanza emotiva e la mancanza di comunicazione.

L’esperienza del consulente
Ma anche quando il rapporto è ormai compromesso, la scintilla è spenta da anni e la fiducia reciproca è incrinata, dirsi addio può essere tremendamente difficile.
Persino quando il matrimonio è stato estremamente deludente e i due coniugi sono arrivati al punto di odiarsi, difficilmente la separazione viene vissuta come una liberazione.
La dissoluzione del legame matrimoniale non costituisce solo la fine di una storia d’amore importante ma anche di tutto quello che un matrimonio rappresenta a livello psicologico: è la fine di un progetto di vita in cui si era creduto scommesso, dei sogni per il futuro, di una relazione che si sperava sarebbe durata per sempre.
Il divorzio è una perdita affettiva importante che racchiude in sé tante altre perdite (Economiche, pratiche, sociali, familiari……) e in quanto tale è in grado di svuotare in modo profondo l’identità e l’autostima.
Bisogna sottolineare che il partner che decide di interrompere la relazione, pur essendo costretto a sopportare il peso della responsabilità della decisione e dovendo fare i conti con il dubbio di aver fatto la scelta giusta e con i sensi di colpa, è quello che se la cava meglio perché coinvolto meno emotivamente.

Chi viene lasciato vive invece una dolorosa esperienza di abbandono e di rifiuto che può intaccare in modo molto profondo l’autostima e la fiducia nell’amore e nel futuro.

Il coniuge che “subisce” il divorzio soffre molto più a lungo e molto più intensamente, ma se riesce a superare questa esperienza così devastante esce dalla separazione con un IO più forte e con una rinnovata consapevolezza delle proprie capacità e della possibilità che la vita può offrire.

L’ELABORAZIONE DELLA PERDITA DELLA PERSONA AMATA AVVIENE PER DIVERSE FASI

  • Shock e negazione è la prima fase, in questa fase non si può credere che sia veramente finita, che il nostro partener abbia deciso di lasciarci che non ci ama più. In questa fase è frequente la speranza di un riavvicinamento anche quando la logica lo smentisce. Si cerca di capire ad ogni costo perché è accaduto?

Se è vero che in alcune occasioni il cercare di razionalizzare possa risolversi utile, è altrettanto ciò non accade quando in gioco ci sono i sentimenti, l’essere coinvolti offusca.

  • Passata questa fase può insorgere un sentimento di rabbia verso chi ha lasciato, se nella prima fase tutte le colpe sono rivolte a se stessi in questa fase le colpe vengono date a chi lascia.
  • Fase del patteggiamento, della riparazione in questa fase ci si chiede cosa avremmo potuto o cosa potevamo fare per riparare la situazione, questi pensieri diventano dei veri e propri tarli.
  • Fase della consapevolezza, in questa fase il dolore esplode in tutta la sua potenza, si evitano luoghi, cose e persone che ci ricordano chi ci ha lasciato ma l’evitare non fa altro che pensare a chi ha lasciato, e soltanto soffrendo che si smetterà di farlo. Solo toccando il fondo che si può risalire.
  • L’ultima è quella della accettazione in cui si diventa l’unica persona importante per se stessi, aprendosi a nuove esperienze e nuovi orizzonti riprendendo la propria vita in mano

Cosa fare

  • Con l’aiuto di un professionista è importante, far nascere in se stessi la consapevolezza che la fine di una storia non implica una mancanza del proprio valore, non vuol dire che si è inadeguati o non si è abbastanza.
  • Ricominciare dopo la fine di una storia è possibile, solo vivendo il dolore della separazione si potrà arrivare a conoscere veramente se stessi e ripartire più consapevoli di Prima.

 

Dott. Maria Bernabeo

Info sull'autore

Maria Bernabeo administrator